Progetto Thailandia

Si tratta di un progetto finalizzato al sostegno sanitario dei rifugiati di etnia Karen, fuggiti dalla Birmania a causa delle persecuzioni razziali.

Questo programma aiuta famiglie di karen e birmani che sono arrivati in Tailandia dalla vicina Birmania. Le famiglie assistite vivono in condizioni molto dure, la maggior parte senza documenti e perciò con grande difficoltà allo spostamento per trovare assistenza (visto i numerosi posti di blocco sempre presenti alle diverse entrate della città). Le famiglie aiutate sono circa trecento, ma i casi visti sono in percentuale molto più alti della popolazione di riferimento, poiché molte persone, parenti o conoscenti delle famiglie assistite, arrivano dalla Birmania per chiedere aiuto. Karen e birmani lavorano al nero nei campi di riso, mais, canna da zucchero, ortaggi, nei moltissimi cantieri edili e stradali e fabbriche (solitamente tessili). L’assistenza fornisce prevenzione delle malattie da carenze vitaminiche, cura delle principali malattie infettive, trattamento delle malattie croniche; si fanno medicazioni per ascessi, ferite, bruciature, si seguono le gravidanze, si controlla la crescita dei bambini. Si aiuta a fare diagnosi per persone venute dalla Birmania con patologie complicate e, a seconda della problematica, si cercano sponsors per il trattamento, ove possibile. Viene comprata terapia antiretrovirale per un gruppo di pazienti con AIDS; vengono seguiti bambini con talassemia (che richiedono regolari trasfusioni) e con epilessia. Ogni settimana si danno vitamine a circa duemila bambini in varie scuole. Si collabora con un centro per bambini con deficit motori. Si aiutano con sacchi di riso le famiglie che hanno più bisogno. Il programma non ha un ambulatorio, vista l’estrema difficoltà che le persone hanno di spostarsi, ma è “ambulante”: ci si muove in motorino e si portano in un sacco i medicinali necessari.
Il contributo di Sale della Terra è usato per aiutare a coprire le spese necessarie: costo dei medicinali, di esami di laboratorio, radiografie, eventuali ricoveri; stipendi degli assistenti, benzina e mantenimento delle moto, aiuti vari alle famiglie.Sale della Terra inoltre accetta donazioni per scuole elementari per bambini karen o birmani e per un collegio per bambini karen.

Il progetto viene portato avanti da una dottoressa fiorentina e da suo marito, anch'egli medico, e dai collaboratori locali da loro formati.

Informazioni aggiuntive